ceramica

Una Lampada da tavolo multifunzione

L’ideazione di una lampada da tavolo in ceramica che, oltre a “fare luce”, possegga anche un’altra funzione. Il progetto ha come partnership la ditta Ferroluce. La progettazione doveva tener presente che: 
1 – La lampada, da realizzarsi con la tecnica ceramica del colaggio su stampo, doveva prevedere anche un utilizzo secondario (per esempio di contenitore vuota tasche) ed essere coerente con la linea di prodotti della ditta Ferroluce.  
2 – La principale attenzione nel progetto doveva essere posta sul tipo di illuminazione e sull’effetto luminoso che la lampada genera oltre che sull’uso secondario previsto, tenendo presente anche l’aspetto “decorativo”.
3 – Riflettendo sull’aspetto formale, la lampada sarà adatta in un contesto contemporaneo. Un passaggio determinante nell’accuratezza della soluzione proposta è lo studio delle proporzioni, da evidenziare anche nei disegni di progetto. 
4 – La lampada utilizza il portalampade tradizionale e prevede l’alimentazione a cavo.
5 – Idealmente la lampada è (oltre al cablaggio) in mono materiale ceramico, anche se è ammesso (ma non suggerito!) l’uso di altri materiali, quali per esempio il metallo.

Un vaso – seduta per il Giardino di Palazzo Grimani ai Servi a Venezia

Il brief del progetto richiedeva l’ideazione di un vaso che fungesse (contemporaneamente o alternativamente) anche da seduta, da realizzarsi in ceramica per il Giardino di Palazzo Grimani ai Servi a Venezia. La finalità del progetto era costruire un artefatto tridimensionale che, riflettendo sulle tecniche di produzione della ceramica, fosse formalmente caratterizzato e contestualizzato. È stata programmata una visita al Giardino e, a corollario, sono state svolte due lezioni tenute dalla prof.ssa Francesca Di Gioia che hanno illustrato le caratteristiche artistiche presenti nel luogo e la storia del giardino in generale.