ceramica

Una Lampada da tavolo multifunzione

L’ideazione di una lampada da tavolo in ceramica che, oltre a “fare luce”, possegga anche un’altra funzione. Il progetto ha come partnership la ditta Ferroluce. La progettazione doveva tener presente che: 
1 – La lampada, da realizzarsi con la tecnica ceramica del colaggio su stampo, doveva prevedere anche un utilizzo secondario (per esempio di contenitore vuota tasche) ed essere coerente con la linea di prodotti della ditta Ferroluce.  
2 – La principale attenzione nel progetto doveva essere posta sul tipo di illuminazione e sull’effetto luminoso che la lampada genera oltre che sull’uso secondario previsto, tenendo presente anche l’aspetto “decorativo”.
3 – Riflettendo sull’aspetto formale, la lampada sarà adatta in un contesto contemporaneo. Un passaggio determinante nell’accuratezza della soluzione proposta è lo studio delle proporzioni, da evidenziare anche nei disegni di progetto. 
4 – La lampada utilizza il portalampade tradizionale e prevede l’alimentazione a cavo.
5 – Idealmente la lampada è (oltre al cablaggio) in mono materiale ceramico, anche se è ammesso (ma non suggerito!) l’uso di altri materiali, quali per esempio il metallo.

Un vaso – seduta per il Giardino di Palazzo Grimani ai Servi a Venezia

Il brief del progetto richiedeva l’ideazione di un vaso che fungesse (contemporaneamente o alternativamente) anche da seduta, da realizzarsi in ceramica per il Giardino di Palazzo Grimani ai Servi a Venezia. La finalità del progetto era costruire un artefatto tridimensionale che, riflettendo sulle tecniche di produzione della ceramica, fosse formalmente caratterizzato e contestualizzato. È stata programmata una visita al Giardino e, a corollario, sono state svolte due lezioni tenute dalla prof.ssa Francesca Di Gioia che hanno illustrato le caratteristiche artistiche presenti nel luogo e la storia del giardino in generale.

Un porta bustine di zucchero da banco bar

Il progetto vedeva la collaborazione con la ditta “Bristot Caffè” (www.caffebristot.com) ed aveva come tema la progettazione di una porta bustine di zucchero, da realizzarsi in ceramica, coerentemente con la linea di prodotti di “Bristot Caffè”, per i banconi dei bar.
Il portazucchero che si trova nei banconi al bar spesso è l’adattamento di un contenitore generico all’interno del quale sono organizzate le bustine di zucchero di  varia tipologia. Con questo progetto si intendeva sviluppare un artefatto in ceramica appositamente declinato a contenere diversificati tipi di bustine zucchero.
Finalità ulteriore del progetto era costruire un prodotto tridimensionale funzionale in cui anche l’aspetto proporzionale dell’oggetto fosse momento di particolare attenzione.

Una teiera per Dersut Caffè

Il progetto ha visto la collaborazione con la ditta “Dersut Caffè” (www.dersut.it) ed ha avuto come tema la progettazione di una teiera da realizzarsi in ceramica.
La teiera è un contenitore che è utilizzato per l’infusione o anche solamente per servire il tè, le tisane o gli infusi in genere. La teiera può essere di varie dimensioni e caratteristiche ed è principalmente composta dalla parte che funge da contenitore del liquido. Generalmente ha un coperchio dotato di pomolo per levarlo senza scottarsi, un beccuccio per versare comodamente il contenuto, un manico sul lato opposto al beccuccio. Può avere un infusore interno, in modo da infondere il tè nell’acqua calda ma allo stesso tempo di trattenerlo all’interno della teiera.
La finalità del progetto era di costruire un artefatto tridimensionale funzionale in cui anche l’aspetto proporzionale dell’oggetto fosse un momento di particolare attenzione. Erano richiesti, assieme alle quattro tavole di progetto, anche un modello volumetrico in scala reale realizzabile con un materiale a scelta.
Le teiere più interessanti saranno valutate per essere prototipizzate ed eventualmente scelte per essere prodotte serialmente da “Dersut Caffè”.

Una mug in ceramica

Il progetto ha visto la collaborazione della ditta Caffè Girani (www.caffegirani.it) di Venezia ed ha avuto come tema la progettazione di una mug da realizzarsi in ceramica. La mug è una grossa tazza caratterizzata da una buona capienza per la consumazione di tè, tisana, caffelatte, cioccolata o caffè all’americana. La mug è un pezzo singolo, non fa parte dei servizi e non è, generalmente, corredata di piattino.
La prima bottega del caffè viene aperta a Venezia nel 1683 quando “la negra bevanda bollente” proveniente dall’Arabia approda in Occidente; partendo da questa considerazione storica è stata iniziata l’elaborazione progettuale; Il brief richiedeva anche l’ideazione di una scritta da porsi all’interno o all’esterno della tazza, così da evidenziare, anche in un messaggio scritto, la proposta progettuale.

 

YufengAiMUGProiezioni1YufengAi2RestoLucaTazzaPOrestoLucatazzaOlivieriCamillaTazzaPOOlivieriCamillaTazzaFiorinAlbertoMugProiezioniFiorinAlbertoMugFotoDuYanyingMugProiezioniDuYanyingMugFotoDeStefanoTiziana_TazzaProiezioniDeStefanoTiziana_TazzaFotoDeMarcoDiegoMugProiezioniDeMarcoDiegoMugfoto01 YIFEI FANMugPO01 YIFEI FANMugVistaCenzonElenaMugPOCenzonElenaMugVistaSariChiaraMugProiezioniSariChiaraMugFotoYuanXiaoyingTazzaPOYuanXiaoyingTazzaFoto