Month: giugno 2017

Biennio 2016/2017 – Pop-up a sorpresa

Il progetto di “una pagina” (o più pagine) in cartoncino 21 cm x 21 cm apribile a 180° elaborata con la tecnica del “pop up” in cui tutti gli elaborati (i progetti ed anche, eventualmente, le esercitazioni) del corso trovano collocazione. La “pagina pop-up” presenta una sorta di “riassunto tridimensionale” di tutto ciò che è stato realizzato durante l’anno.DuYanyingPopupFoto2RestoLucaPopUpSariChiaraPopUpDeStefanoTiziana_PopUpFiorinAlbertoPopupfronteYuFengPopUpDeMarcoDiegoPopUpFotoCenzonElenaPopUpApertoYuan Xiaoying PopUpOKYIFEI FANpopup

Triennio 2016/2017 – Scatola a sorpresa (progetto finale)

Il progetto di una scatola e del suo contenuto in cui le problematiche della rappresentazione, della grafica e del packaging trovano concretizzazione raccogliendo tutti i progetti e, a discrezione, le esercitazioni elaborate. Il contenitore presenta una sorta di “riassunto tridimensionale” del corso. La scatola ha le misure (in prospetto) del contenitore standard porta DVD (H cm 19,2 x P cm 13,8), mentre lo spessore (L) è a discrezione ma non superiore a cm 13,8, misura de lato corto. La forma risultante è quella di un prisma a sezione rettangolare.

Una lettera tridimensionale

Il progetto era in relazione con il Bicentenario della fondazione (1817) delle Gallerie dell’Accademia di Venezia nel 2017. Al fine di realizzare un artefatto facilmente realizzabile e vendibile nel bookshop delle Gallerie e anche nel Magazzino del Sale dell’Accademia di Venezia, era richiesto il progetto di una “lettera” (vocale o consonante) tridimensionale da costruirsi partendo da un template (oggetto del progetto) bidimensionale. Alla “lettera” assegnata (diversa per ogni studente fino a completare tutto l’alfabeto), lo studente doveva trovare una relazione con un personaggio, un artista, un’opera o una situazione gravitante attorno alle Gallerie dell’Accademia di Venezia. Era richiesto l’inserimento del logo delle Gallerie con un’infografica, stampata nel foglio-template (oggetto del progetto), che spiegasse la costruzione della lettera e che sintetizzasse i ragionamenti progettuali che hanno portato alla definizione grafica e formale dell’artefatto, motivando la relazione tra la “lettera” e il relativo “argomento” scelto. Era consigliato l’impiego di un cartoncino da 300 grammi formato A3 stampato solo da un lato e cordonato al centro, ottenendo così le misure di un formato A4. La piegatura a metà del foglio suggerita era da prevedersi nel template progettato.

Una mug in ceramica

Il progetto ha visto la collaborazione della ditta Caffè Girani (www.caffegirani.it) di Venezia ed ha avuto come tema la progettazione di una mug da realizzarsi in ceramica. La mug è una grossa tazza caratterizzata da una buona capienza per la consumazione di tè, tisana, caffelatte, cioccolata o caffè all’americana. La mug è un pezzo singolo, non fa parte dei servizi e non è, generalmente, corredata di piattino.
La prima bottega del caffè viene aperta a Venezia nel 1683 quando “la negra bevanda bollente” proveniente dall’Arabia approda in Occidente; partendo da questa considerazione storica è stata iniziata l’elaborazione progettuale; Il brief richiedeva anche l’ideazione di una scritta da porsi all’interno o all’esterno della tazza, così da evidenziare, anche in un messaggio scritto, la proposta progettuale.

 

YufengAiMUGProiezioni1YufengAi2RestoLucaTazzaPOrestoLucatazzaOlivieriCamillaTazzaPOOlivieriCamillaTazzaFiorinAlbertoMugProiezioniFiorinAlbertoMugFotoDuYanyingMugProiezioniDuYanyingMugFotoDeStefanoTiziana_TazzaProiezioniDeStefanoTiziana_TazzaFotoDeMarcoDiegoMugProiezioniDeMarcoDiegoMugfoto01 YIFEI FANMugPO01 YIFEI FANMugVistaCenzonElenaMugPOCenzonElenaMugVistaSariChiaraMugProiezioniSariChiaraMugFotoYuanXiaoyingTazzaPOYuanXiaoyingTazzaFoto